Apparition: osservare gli osservatori

Nella fotografia di viaggio o nella street photography la nostra attenzione è spesso focalizzata sulle stranezze di cui siamo osservatori. In questo caso la stranezza è rappresentata dagli osservatori stessi, stupiti per qualcosa che non si riesce a vedere...

Visitare e fotografare Salisburgo in Austria.
Apparition [Apparizione]
2015 – © Gianluca Vecchi

Qui siamo a Salisburgo, in Getreidegasse, probabilmente la più famosa via della città. Il suo nome significa letteralmente Vicolo dei Cereali, anche se in realtà è solo il risultato finale della trasformazione fonetica, proseguita negli anni, del suo nome originale (Trabegasse) e non ha mai avuto niente a che fare con riso, mais o frumento.

Questa strada è conosciuta principalmente per essere la "via dello shopping" salisburghese e per ospitare la casa natale di Mozart. Una sua particolarità è costituita dalle insegne dei negozi, che sono appese ai muri e che per regolamento devono essere in stile antico. Qui perfino una famosa catena di fast food ha il suo simbolo di foggia medievale.

Durante la mia visita a Salisburgo stavo passeggiando appunto lungo la Getreidegasse, e per un tratto ho seguito un gruppo di turisti cinesi. A un certo punto questi si sono tutti voltati dalla parte opposta al senso di marcia, come avessero sentito o visto qualcosa di sorprendente, scrutando in lontananza. Io ero dietro di loro e avendo la fotocamera in mano ho potuto cogliere al volo la scena, che era davvero surreale. 

Poi mi sono girato anch'io, per vedere cosa fosse successo o apparso di tanto interessante e... Non ho visto niente, a parte i normali passanti, tra i quali non c'era nessuno di particolarmente strano o appariscente. I turisti invece hanno continuato a guardare con attenzione verso un punto in lontananza, e la ragazza sulla destra si è messa addirittura a scattare foto: a chi o cosa, ancora non lo so. Un curioso caso di avvistamento alla rovescia, dove vediamo la reazione degli osservatori senza scoprirne la causa.